UNIVERSITA' > Scheda Ateneo - Università degli Studi di FOGGIA

Presentazione

L’Università degli Studi di Foggia è stata istituita con DM 5.08.1999. Alle iniziali Facoltà di Agraria, Economia, Giurisprudenza si sono poi aggiunte le Facoltà di Medicina e Chirurgia con i corsi di laurea in Medicina e Chirurgia e in Scienze Motorie e numerosi corsi per i Diplomi Universitari di area medica. Successivamente è stata istituita la Facoltà di Lettere e Filosofia e quindi quella di Scienze della Formazione. L’attività didattica e di ricerca è ora affidata ai nuovi 6 Dipartimenti: Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell’Ambiente; Economia; Giurisprudenza; Studi Umanistici. Lettere, Beni culturali, Scienze della formazione; Medicina Clinica e Sperimentale; Scienze Mediche e Chirurgiche.
Fin dalla sua nascita l'Ateneo foggiano ha presentato sul piano della formazione e della ricerca scientifica, una proposta dinamica e innovativa. I sei Dipartimenti con i corsi di laurea triennale, le lauree specialistiche, i corsi di laurea magistrale, i numerosi master, dottorati di ricerca, le scuole di specializzazione, hanno contribuito a rendere l’Ateneo foggiano un centro di cultura che permette ai giovani di acquisire una formazione multidisciplinare professionalizzante rispondente alle necessità espresse dalla società e dal mondo del lavoro. Nonostante la sua giovane età, sul piano della Ricerca scientifica, l'Università degli Studi di Foggia ha conseguito importanti risultati, così come evidenziato dall'ANVUR (Agenzia nazionale per la valutazione del sistema universitario e della ricerca) nell'ultimo Rapporto sulla Valutazione della Ricerca (VQR) 2004-2010 che posiziona l'ateneo foggiano al 12° posto nella graduatoria nazionale e al 1° posto tra le Università pugliesi.
Negli ultimi anni, l’Università degli Studi di Foggia ha ampliato e consolidato le iniziative e le attività volte a migliorare e qualificare sempre più la didattica, la ricerca, le relazioni internazionali (attraverso l’adesione a numerosi progetti di cooperazione internazionale che favoriscono lo scambio di studenti e docenti), i servizi agli studenti, il sistema informativo, quello bibliotecario ma anche lo sviluppo dell’edilizia universitaria con l’adeguamento delle strutture esistenti e l’acquisizione di nuove. Recente la costruzione del nuovo Polo biomedico, il recupero di un importante complesso nel centro storico della città, sede del Dipartimento di studi umanistici e la realizzazione di una nuova residenza universitaria che si aggiunge a quelle già esistenti in grado di offrire alloggi e servizio mensa agli studenti fuori sede.
Nell'ambito del sistema universitario nazionale l'Università degli Studi di Foggia è senza dubbio uno degli Atenei più giovani e dinamici, un'Università a misura di studente con oltre 11.000 iscritti ai quali viene garantito un percorso formativo e di orientamento personalizzato con tante opportunità di tirocini, stage, borse e programmi di studio all'estero e contatti con il mondo delle imprese e del lavoro ma, anche, un ampio ventaglio di attività culturali ed extracurriculari che contribuiscono a rendere unica e gratificante l'esperienza universitaria. Una comunità universitaria giovane che annovera tra le sue peculiarità una delle percentuali più alte, a livello nazionale, di docenti/ricercatori con meno di 35 anni (il 14,2%) e con età tra i 36 e i 45 anni (il 42,6%) e che favorisce la partecipazione, il confronto, il dialogo e l'ascolto attraverso l'utilizzo di Internet  e dei social network come Facebook, Twitter o YouTube.

News
19 febbraio 2014
31 ottobre 2013

Il nuovo portale dell'Università di Foggia

Moderno, dinamico, accessibile, Il nuovo portale di Ateneo è in linea con gli ultimi paradigmi del web, orientato alla comunicazione verso gli studenti, la comunità universitari e gli utenti esterni.

Il nuovo sito www.unifg.it è il risultato di un complesso lavoro di progettazione partecipata, volto alla realizzazione di uno strumento in grado di promuovere l'immagine dell'Università degli Studi di Foggia e valorizzare le sue eccellenze.

Frutto della collaborazione tra l'Ateneo di Foggia e il Consorzio interuniversitario CINECA, il portale è stato realizzato nell'ottica di una efficace integrazione tra comunicazione e sistemi gestionali U-GOV adottati attualmente dall'Università.

 

18 febbraio 2014

Concorso per l'ammissione ai corsi di Laurea Magistralea ciclo unico in Medicina e Chirurgia e Odontoiatria e Protesi dentaria a.a. 2014/2015

I candidati devono presentare la richiesta di partecipazione al test selettivo per l’accesso ai Corsi di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia e Odontoiatria e Protesi Dentaria esclusivamente in modalità on – line attraverso il portale Universitaly.

L’iscrizione on-line è attiva dal giorno 12 febbraio 2014 e si chiude inderogabilmente alle ore 15.00 del giorno 11 marzo 2014.

Altre Informazioni

Immatricolazioni/Iscrizioni

L' immatricolazione avviene  con procedura on-line sulla  base dei titoli di studio posseduti, stabiliti dalla legge, ed in ragione della tipologia del Corso di Laurea prescelto:

  • a libero accesso, con verifica della preparazione iniziale; Le immatricolazioni si aprono il 1° luglio e si chiudono il 31 ottobre
  • a numero programmato, con prova selettiva. L’accesso e, quindi, l'immatricolazione è subordinata al superamento di un test disciplinato da apposito bando di concorso

Lo studente, tra il 1 luglio al il 31 ottobre, in via ordinaria, e tra il 1 novembre ed il 30 giugno, con istanza tardiva, è tenuto a effettuare l’iscrizione agli anni di corso successivi al primo, effettuando il pagamento delle tasse e dei contributi universitari.


Tasse e contributi

Lo studente partecipa al valore economico della sua istruzione universitaria versando, annualmente, un importo frazionato in 3 rate.
Oltre alle tasse ed ai contributi dovuti all’Ateneo, lo studente è tenuto al pagamento dell'imposta di bollo (€ 16,00) e della tassa regionale per il diritto allo studio, il cui importo è fissato dalla Regione Puglia articolato su tre fasce di reddito.

I rata La I rata, ad eccezione degli esonerati totali, è identica per tutti gli studenti e deve essere versata all’atto dell’iscrizione o immatricolazione; le restanti due rate sono entrambe definite in ragione del merito e della condizione economica.

Scadenze Il versamento della I rata, garantisce l’iscrizione al nuovo anno accademico e deve essere versata entro il 31ottobre.

È concessa l’immatricolazione tardiva improrogabilmente entro il 30 dicembre, previa corresponsione della indennità progressiva di mora.

È concessa l'iscrizione tardiva in qualsiasi momento dell’anno accademico, ma non oltre il 30 giugno, previa corresponsione della indennità progressiva di mora.

Pagamenti

La I rata è di € 253,24 e si compone della tassa d’ingresso (€ 106,00), dell’imposta di bollo (€ 16,00) e della tassa regionale per il diritto allo studio (€120) salvo conguaglio per fasce di reddito. La II e la III rata hanno uguale importo, pari alla metà dell’importo complessivo, indicato con IC. L’importo IC è determinato dalla somma dell’importo IR e dell’importo IM  IC=IR+IM). L’importo IR, pari a € 485,00, è soggetto a riduzioni per condizione economica. L’importo IM, pari a € 466,00, è soggetto a riduzioni per merito.  L’importo IC è pari a € 951,00.

Scadenze casi particolari

Il versamento della II rata deve avvenire entro il 31 marzo. Il versamento della III rata deve avvenire entro il 30 giugno. Lo studente non in regola con il versamento degli anni accademici precedenti a quello di iscrizione e/o in ritardo nei pagamenti per l’anno accademico in corso, al fine di procedere con l’iscrizione, deve regolarizzare la propria posizione contributiva.

Esoneri e riduzioni speciali

Lo studente iscritto a tempo pieno o parziale di questo Ateneo che abbia in un dato anno accademico un componente appartenente al medesimo nucleo familiare, contemporaneamente iscritto presso l’Università di Foggia, usufruisce di una riduzione individuale del 10%, fatta eccezione d ella I rata, dell’importo complessivo di tasse e contributi dovuti per tale anno accademico. Tale percentuale è elevata al 20%, fatta eccezione della I rata, se lo studente ha almeno altri due componenti appartenenti al medesimo nucleo familiare, contemporaneamente iscritti presso l’Università di Foggia.

Esoneri parziali
Lo studente disabile con invalidità accertata e documentata in misura compresa tra il 45% e il 65% che si iscrive a tempo pieno ai Corsi di Laurea , di Laurea Specialistica/Magistrale, Scuole di Specializzazione, Master o Corsi di perfezionamento ha diritto alla riduzione del 50% delle tasse e contributi, fatta eccezione per la I rata, anche in aggiunta ai normali esoneri connessi al merito e al reddito.

Esonero totale di tasse e contributi

1) Studente con disabilità pari o superiore al 66%

Lo studente disabile con invalidità accertata e documentata pari o superiore al 66% che si iscrive ai Corsi di Laurea, di Laurea Specialistica/Magistrale, Scuole di Specializzazione, Master o Corsi di perfezionamento, ha diritto all’esonero totale della tassa d’ingresso e dei contributi universitari, ed è tenuto ad iscriversi versando come I rata la sola imposta di bollo dovuta per legge.

2) Vincitore e idoneo di benefici ADISU

Ai sensi dell’art. 8 del D.P.C.M. 9 apri le 2001, l’ Università di Foggia esonera totalmente dalla tassa d’ingresso e dai contributi universitari per tutti i Corsi d i Laurea, di Laurea Speciaistica/Magistrale, di Specializzazione presso le proprie Scuole, di Dottorato di ricerca, lo studente beneficiario delle borse di studio erogate dall’A.Di.S.U., nonché l’idoneo al conseguimento delle stesse che, solo per scarsità di risorse, non è risultato vincitore.

3) Studente straniero beneficiario di borsa di studio
L’Università di Foggia, per l’anno accademico di riferimento, esonera totalmente dal pagamento della tassa d’ingresso e dei contributi universitari lo studente straniero beneficiario di borsa di studio del Governo Italiano nell’ambito dei programmi di cooperazione allo sviluppo e de gli accordi intergovernativi culturali e scientifici e relativi periodici programmi esecutivi.

4) Figlio di beneficiario di pensione di inabilità
Lo studente facente parte di un unico nucleo familiare con un genitore beneficiario di pensione di inabilità è esonerato dal pagamento di tasse e contributi unive rsitari, fatta eccezione per la I rata, quale unico reddito familiare.
 


La carta europea dei Ricercatori

La Carta Europea dei Ricercatori ed il Codice di Condotta per l’Assunzione dei Ricercatori (C&C) sono due documenti della Commissione Europea, pubblicati come raccomandazioni nel 2005, contenenti un insieme di princìpi e prescrizioni generali sul ruolo, sulle responsabilità, sui diritti dei ricercatori (secondo la definizione OCSE) e dei soggetti che assumono e/o finanziano gli stessi nonché sulle loro procedure di assunzione o nomina.
L’obiettivo finale è il miglioramento della competitività della ricerca europea a livello internazionale attraverso un lento e graduale processo di cambiamento culturale, di discussione e di confronto tra tutte le parti interessate (istituzioni di ricerca pubblica e privata e referenti politici). Questo sarà possibile attraverso l’adozione di una strategia per la gestione delle risorse umane, conforme alla C&C, strumento trasparente, flessibile e facilmente condivisibile tra i soggetti interessati.

L’impegno dell’Università di Foggia

In tale contesto, il 17 novembre 2008, l’Università degli Studi di Foggia ha sottoscritto, insieme ad altre sette istituzioni universitarie italiane (Camerino, Padova, Palermo, Udine, Urbino, Verona e la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa), la “dichiarazione di impegno all’implementazione di una strategia per la gestione delle risorse umane ispirata alla Carta Europea dei Ricercatori ed il Codice di Condotta per l’Assunzione dei Ricercatori” secondo quanto prescritto dalla Raccomandazione della Commissione Europea dell’11 marzo 2005; la stessa dichiarazione è stata successivamente sottoscritta da ciascuna istituzione e notificata alla Commissione Europea il 18 giugno 2009.

Obiettivo dell’Università di Foggia

La strategia per la gestione delle risorse umane conforme alla C&C dell’Università degli Studi di Foggia si colloca in quella più ampia di Ateneo volta al sostanziale riposizionamento delle attività di ricerca in àmbito nazionale ed internazionale e costituisce un adattamento ai nuovi indirizzi nazionali (Legge 140/2010 del MIUR) ed europei.
In questa ottica, per il nostro Ateneo, l’adozione della strategia costituirà un fattore di visibilità internazionale nello Spazio europeo della ricerca (ERA -European Research Area), di maggiore credibilità all’esterno (autorità locali e nazionali e dello stesso mondo accademico) e di riconoscimento del grado di eccellenza nella gestione delle risorse umane.

Mappa delle Sedi
Informazioni Generali

Nome e cognome del Rettore: prof. Maurizio Ricci

 

L’Ufficio per le Relazioni con il Pubblico (URP) fornisce informazioni e servizi. Attraverso il diritto di accesso e di informazione, l’URP realizza il principio della trasparenza, agevolando la partecipazione di tutti all'attività amministrativa, fornisce informazioni sull’organizzazione interna dell’Università e illustra la normativa in materia di privacy, autocertificazione e semplificazione amministrativa.
telefono: 0881 338415 - 0881 338506
Email: urp@unifg.it

E’ possibile avere informazioni anche mediante il profilo FB (http://www.facebook.com/pages/Universit%C3%A0-degli-Studi-di-Foggia/281808934159) che ha raggiunto i  11226 fan.

L'orario di ricevimento al pubblico dell'URP è dalle 9,00 alle 13,00, dal lunedì al venerdì. Le segreterie studenti, invece, ricevono nei giorni dispari (lunedì, mercoledì e venerdì) dalle 10,00 alle 12,00, il martedì e il giovedì, invece, dalle 15,30 alle 16,30, eccetto la Segreteria studenti del Dipartimento di Studi umanistici che è aperta al pubblico il lunedì e il mercoledì mattina dalle 10,00 alle 12,00 e il giovedì pomeriggio dalle 15,30 alle 16,30.
Per informazioni gli studenti possono scrivere in qualsiasi ora del giorno sul profilo FB e ricevere una risposta in tempi rapidissimi.

Posta elettronica certificata: protocollo@cert.unifg.it

La Nostra Identità Logo dell'Università degli Studi di Foggia

Il sigillo dell’Università di Foggia è ispirato ad un’immagine cartografica della città di Foggia, “città senza mura”, città aperta, polo emergente in cui convergono le culture ospiti, da opporre alle “città murate”, simbolo di posizioni arroccate e inflessibili. L’Università di Foggia, quale luogo aperto di apprendimento ed elaborazione critica delle conoscenze per la formazione delle coscienze, considera come preminente valore di riferimento il rispetto dei diritti fondamentali della persona, valorizza le differenze, garantisce le pari opportunità e il più ampio pluralismo delle idee, promuove l’alta qualità nell’insegnamento e nella ricerca scientifica (vedasi il riconoscimento europeo ottenuto quale istituzione eccellente nella gestione delle risorse umane sulla base dei principi della Carta Europea dei Ricercatori e del Codice di Reclutamento dei Ricercatori) e la mobilità sociale (l’86% dei suoi laureati, come si evince dall’ultimo rapporto Almalaurea, non ha i genitori laureati mentre la media nazionale è del 75%).

Le origini

A partire dal XVII secolo, con l’affermazione dalle Accademie dei “Volubili”, dei “Fantastici” e degli “Invogliati” e, in seguito, con l’istituzione del Tribunale della Regia Dogana e del Real Collegio, con le annesse cattedre di Diritto, Medicina e Agricoltura, Foggia diveniva una tra le protagoniste più attive della vita culturale del mezzogiorno italiano. Nel corso dell’Ottocento un notevole fervore scientifico si formò attorno alle cattedre che l’Università di Napoli – al tempo istituzione quasi monopolistica nel mezzogiorno nel rilasciare il titolo di laurea – aveva decentrato a Foggia nel 1859.Paradossalmente, però, proprio al 1859 risaliva la condanna alla chiusura della neonata università foggiana giacché la Legge Casati, promulgata il 13 novembre nel Regno di Sardegna ed estesa a tutta l’Italia, prevedeva una struttura fortemente accentrata dell’intero sistema dell’istruzione e la conseguente chiusura di molte cattedre decentrate o collegate al clero.Fallito nel 1894 il progetto del Ministro dell’Educazione Guido Baccelli, che aveva aperto le porte all’istituzione di una università in Puglia, nel 1918 Benedetto Biagi riusciva ad organizzare a Foggia una serie di attività culturali che sarebbero sfociate nella Università popolare. A causa degli eventi bellici il progetto non trovò realizzazione immediata e si dovette attendere il 1919 per la nascita dell’Università Popolare di Foggia che restò confinata, comunque, nel pur prezioso compito di divulgazione del sapere.

Verso l'istituzione

Soltanto negli anni ’60 del Novecento l’istituzione dell’Università a Foggia cominciò a diventare una realtà a partire dal Piano economico di Puglia per il quinquennio 1966-1970. Prima ancora della Delibera del 23 luglio 1974, con cui il Consiglio della Regione Puglia ufficializzava la richiesta dell’università a Foggia, i Consigli Provinciale e Comunale approvarono lo statuto del Consorzio Universitario che, nelle intenzioni dell’Ordine dei Medici, avrebbe dovuto seguire la nascita a Foggia  di una sede distaccata della Facoltà di Medicina.Con il richiamo ad una mobilitazione generale, nel 1977 l’Associazione degli industriali di Capitanata invitava la Regione ed il Ministero a prendere tutte le iniziative di loro competenza per favorire la nascita dell’università foggiana. Le risposte non tardarono ad arrivare: il D.P.R. 382/80, anzitutto, annunziava il piano biennale di istituzione di nuove università e la Legge 590/82, contemplava nel piano di sviluppo delle università “una migliore articolazione territoriale […] nelle Regioni Piemonte, Campania, Emilia Romagna e Puglia”: l’Università di Foggia sembrava cosa fatta.La fine anticipata della legislatura impedì la realizzazione degli obiettivi della legge 590/82, anche se, nel frattempo, una nuova spinta alla nascita dell’università di Foggia provenne, nel 1984, dall’aggiornamento dello statuto del Consorzio per l’Università di Foggia, allo scopo di favorire l’istituzione del terzo centro universitario pugliese.Nel 1986 veniva aperto uno sportello di segreteria e nel 1988 gli studenti foggiani iscritti alla Facoltà di Economia e Commercio dell’ateneo barese poterono seguire la prima lezione seminariale “in casa”. Nel maggio del 1989 veniva pubblicato il decreto con cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri autorizzava la nascita delle sedi distaccate foggiane delle Facoltà baresi di Agraria, Economia e Commercio e Giurisprudenza.Il 15 novembre del 1990 si tenne la prima lezione all’Università di Foggia e il 12 gennaio 1991 si svolse l’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università di Bari nella sede decentrata di Foggia, con l’intervento dell’allora Ministro per l’Università, Antonio Ruberti.Nell’anno accademico 1993/94 si inaugurava il Corso di Laurea in Medicina e chirurgia e, il 15 ottobre 1994, con la Laurea honoris causa in Economia e commercio ad Antonio Fazio, Governatore della Banca d’Italia, si avviava la stagione delle lauree nella sede foggiana.Si giunge, così, al compimento della nascita dell’Università di Foggia: in seguito alla Legge 662/96, l’Università di Bari fu inserita nell’elenco dei cosiddetti mega-atenei sovraffollati e, pertanto, da sottoporre alle procedure di “decongestionamento”. Veniva delegato al processo di decongestionamento per la sede di Foggia Antonio Muscio che sarebbe poi divenuto il primo Rettore nella storia dell’Ateneo daunio.

L'istituzione dell'Università degli Studi di Foggia

L’Università degli Studi di Foggia nasceva ufficialmente con il Decreto Ministeriale del 5 agosto del 1999. Alle Facoltà di Agraria, Economia, Giurisprudenza, Lettere e Medicina, si aggiunse, nel 2008, la Facoltà di Scienze della formazione.In seguito alla legge sul riordino del sistema universitario, il nuovo statuto di Ateneo, entrato in vigore il 15 giugno 2012, ha sancito la sostituzione delle sei Facoltà e dei dodici Dipartimenti esistenti con gli attuali sei Dipartimenti (Scienze agrarie, degli alimenti e dell'ambiente; Economia; Giurisprudenza; Studi umanistici. Lettere, Beni culturali, Scienze della formazione; Medicina clinica e sperimentale; Scienze mediche e chirurgiche).La posizione, peraltro, di tutte le strutture universitarie nel cuore della città, in linea con il progetto di dare vita ad un “campus urbano ben integrato nella città storica”, ha consentito all’Ateneo foggiano di ricevere l’ambito Premio Gubbio 2012.